Stomatite aftosa: cos'è e come trattarla - Clinica Cosmesi Dentale
732
post-template-default,single,single-post,postid-732,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Stomatite aftosa: cos’è e come trattarla

Stomatite aftosa: cos’è e come trattarla

Le afte della bocca sono lesioni della mucosa orale, leggermente profonde e circondate da un alone rossastro, le afte orali possono essere singole o presentarsi a gruppi e possono manifestarsi all’interno di:
• bocca,
• guance,
• labbra,
• gola,
• lingua.

Normalmente guariscono in 7-15 giorni, ma tendono a recidivare ripresentandosi a distanza di tempo.
Quando le afte interessano esclusivamente le mucose orali e ricompaiono a distanza di tempo regolare, come avviene nella stragrande maggioranza dei casi, si parla di stomatite aftosa.
La stomatite aftosa è la comune malattia della bocca, tipica dei giovani e dei giovani adulti, che comporta la ripetuta comparsa di ulcere benigne sulla mucosa orale.

Le ulcere (o afte o ulcere aftose) prodotte dalla stomatite aftosa sono in genere piccole (dell’ordine di qualche millimetro), anche se in alcuni casi possono arrivare a misurare più di un centimetro;
possono essere tonde oppure ovoidali; nella maggior parte delle circostanze, sono isolate, ma potrebbe capitare che si presentino anche in modalità multipla; normalmente, sono dotate di un centro necrotico, ricoperte da una pseudomembrana giallo-grigia e contornate da un sottile alone rosso; possono essere rialzate ai margini; soprattutto nei primi giorni, sono responsabili di un dolore molto fastidioso, il quale si acutizza nel momento in cui si mangia; sono sempre lesioni di natura benigna; infine, sono temporanee: infatti, tranne qualche caso sporadico in cui persistono per oltre un mese, scompaiono in modo naturale nel giro di 7-14 giorni.
L’insorgenza di un’afta è spesso preannunciata da una sensazione di bruciore che si manifesta uno o due giorni prima nell’area in cui si formerà la lesione, anche se l’aspetto della mucosa appare ancora normale.
Un’altra peculiarità di questo tipo di lesioni è rappresentata dall’assenza di sanguinamento.
Una regolare e scrupolosa igiene orale sembra essere utile a prevenire sovrainfezioni batteriche.

 

TERAPIA: IL LASER
Il laser è diventano uno strumento di ultima concezione in ogni campo della moderna medicina, basti pensare che è l’elemento fondamentale nella chirurgia estetica, in dermatologia ed in oftalmologia.
Anche in odontoiatria il laser viene adottato per eseguire interventi ‘dolci’ e i meno invasivi possibili.
Trattare e curare le afte con il laser è un’ottima soluzione per combattere queste dolorose lesioni, perché dopo la terapia, regrediscono solitamente in modo completo già dopo un paio di giorni.
La bellezza di questo trattamento è il fatto che in seguito a esso, i pazienti hanno ottenuto in media una netta regressione delle eruzioni.
Grazie a questi ausili di ultima generazione, è possibile ottenere una forte riduzione dello stato doloroso e una guarigione spesso molto veloce.

No Comments

Post A Comment

WhatsApp chat